Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

The Ocean Cleanup: come funziona la battaglia contro la plastica

Ocean CleanUp: educazione ed ambiente

Un mondo migliore senza plastica si può? Ecco qual è la realtà di Ocean CleanUp, qual è la loro mission e cosa fa.

La Rivoluzionaria Ocean CleanUp: La Battaglia per un Mare Libero dalla Plastica

L’organizzazione Ocean CleanUp, nata dalla mente visionaria di Boyan Slat, un giovane olandese di soli 19 anni, è finalmente pronta a entrare in azione dopo sette anni di dedizione e impegno. Fondata come un’organizzazione no-profit, l’obiettivo principale di Ocean CleanUp è ripulire gli oceani dalla devastante invasione della plastica, rispondendo all’allarmante crisi ambientale che affligge il nostro pianeta da molti anni.

Nel lontano 2012, un giovane Slat ha dato il via a questa organizzazione per affrontare il problema dei rifiuti plastici che stanno inquinando in modo crescente i mari di tutto il mondo. Il fulcro dell’iniziativa è un dispositivo galleggiante progettato per raccogliere la vasta quantità di plastica che si accumula nelle acque. Dopo una serie di test avviati lo scorso anno, l’associazione ha recentemente annunciato che la nave non solo è partita ma sta anche avendo successo nel suo intento.

Ocean CleanUp cos'è
Gli oceani e le acque hanno sempre più plastiche al suo interno. Ecco che interviene il progetto di Ocean CleanUp

Il Sistema di Ocean CleanUp

La macchina di Ocean CleanUp è una grande barriera galleggiante composta da un robusto tubo di gomma ancorato fino a 600 metri di profondità. Quando si apre, il tubo crea una sorta di insenatura artificiale che facilita la raccolta dei rifiuti. Il macchinario System 001/B, noto anche come “Wilson”, è un sistema autonomo che sfrutta le forze naturali dell’oceano, come le onde, le correnti e il vento, per catturare e concentrare la plastica. Ciò che rende questo sistema unico è la sua capacità di ripulire le acque senza causare danni alla vita marina.

A settembre, l’esperimento ha fatto il salto dalla teoria alla pratica, con la prima nave che ha preso il largo nell’oceano Pacifico con l’obiettivo di smaltire una considerevole quantità di plastica. L’obiettivo finale è quello di liberare almeno la metà della vasta distesa d’acqua da milioni di tonnellate di rifiuti, tra cui macro e microplastiche, entro cinque anni. La prima nave ha dimostrato di essere in grado di catturare non solo la plastica visibile, ma anche le microplastiche di dimensioni inferiori a 1 millimetro, rappresentando un passo avanti significativo nel ripristino dell’ecosistema. Questo esperimento è stato condotto nella Great Pacific Garbage Patch, una delle isole di plastica più grandi al mondo nell’Oceano Pacifico, il cui raggio di estensione è cresciuto in modo impressionante dagli anni ’80, arrivando a coprire da 700.000 a 10 milioni di chilometri quadrati.

Il Riciclaggio

Il passo successivo prevede il trasporto della plastica raccolta sulla terraferma e il suo riciclaggio. Il progetto mira a migliorare il sistema, rendendolo più stabile attraverso la creazione di un secondo prototipo in grado di trattenere i detriti per lunghi periodi. Boyan Slat, il fondatore dell’organizzazione, è molto ottimista riguardo a questa ambiziosa iniziativa, sperando che lo sviluppo del programma possa contribuire a contrastare l’inquinamento marino e a sensibilizzare il mondo sull’importanza di proteggere i nostri oceani.

Un futuro sostenibile

L’impresa coraggiosa di Ocean CleanUp non è solo un esempio di innovazione tecnologica, ma rappresenta una speranza tangibile per il futuro del nostro pianeta. Il problema della plastica nell’oceano è una minaccia crescente per la vita marina, con conseguenze disastrose sulla catena alimentare e sull’ambiente in generale. La missione di Ocean CleanUp non è solo quella di rimuovere la plastica, ma anche di educare il pubblico sulle cause e le conseguenze dell’inquinamento marino.

Una delle sfide principali del progetto è il riciclaggio della plastica raccolta. Tuttavia, il team di Ocean CleanUp è determinato a trovare soluzioni innovative per trasformare questa plastica in risorse rinnovabili e materiali riciclati, riducendo così la dipendenza da nuove materie plastiche vergini. Questo approccio sostenibile non solo ridurrà l’inquinamento da plastica, ma contribuirà anche a preservare gli ecosistemi marini fragili.

Un appello all’azione

Ocean CleanUp è un esempio straordinario di come la passione, la determinazione e la visione di un singolo individuo possano portare a un cambiamento significativo nel mondo. La storia di Boyan Slat ci insegna che non siamo impotenti di fronte ai problemi ambientali, ma che possiamo agire in modo proattivo per preservare il nostro pianeta per le generazioni future.

Ognuno di noi ha un ruolo da svolgere nella protezione degli oceani e dell’ambiente. Posiamo fare scelte consapevoli per ridurre l’uso della plastica e sostenere iniziative come Ocean CleanUp. La lotta contro l’inquinamento marino è una battaglia che possiamo vincere, ma richiede l’impegno e la collaborazione di tutti.

Argomenti