Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Rimborso biglietto treno per ritardo: fai valere i tuoi diritti

Rimborso biglietto treno per ritardo: fai valere i tuoi diritti

Il rimborso biglietto treno per ritardo appartiene alle possibilità di ottenere del denaro per via di un versamento in più o per il riconoscimento di un disservizio. Un altro esempio di questo tipo è il rimborso Tim, accanto al rimborso della cessione del quinto e al rimborso 730. Purtroppo, però, per i rimborsi per ritardo treno non basta solo che il treno è effettivamente in ritardo, ma anche da quanto stai aspettando, come vedremo tra poco. In più, ci sono biglietti che non danno diritto al rimborso in qualsiasi caso. Per capire quali sono le soluzioni che prevedono un rimborso e come richiederlo, ecco una guida pratica con le procedure passo passo da seguire.

Quando si può chiedere il rimborso

Quando si può chiedere il rimborso
Treno

Sul sito ufficiale di Trenitalia c’è una pagina dedicata proprio a questo aspetto. Puoi intervenire con la richiesta di rimborso per il ritardo del tuo treno solo se sul tuo biglietto non c’è scritto “Non rimborsabile”. Per evitare questo tipo di biglietti cosa fare? È molto semplice: i biglietti economici di solito non prevedono il rimborso, a meno che non ci sono indicazioni diverse riportate sul biglietto. Per assicurarti biglietti certamente rimborsabili, verifica l’assenza della scritta “Non rimborsabile” quando effettui la prenotazione (l’indicazione è sul sito se acquisti da Trenitalia), oppure richiedi espressamente a chi vende il biglietto di darti un biglietto che puoi rimborsare in caso di imprevisti. Per ottenere il rimborso, il ritardo deve essere tra i 30 e i 59 minuti.

Se il biglietto è su un treno Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e Freccialink richiedi il rimborso pari al 25% del prezzo del biglietto da usare sull’acquisto di un prossimo biglietto entro 12 mesi dalla richiesta di rimborso (niente soldi). Se il ritardo supera questo tempo e passa dai 60 ai 119 minuti hai diritto a un rimborso del 25% anche in contanti. Se il ritardo arriva a 120 minuti in su, allora puoi chiedere il rimborso in contanti fino al 50% del prezzo del biglietto. Ricorda che hai diritto a un pasto o a un pernottamento se il ritqardo si dovesse prolungare, chiedendo all’ufficio di assistenza presente in stazione. Ricorda che hai diritto anche al rimborso di mezzi sostitutivi (taxi e bus) se la compagnia ferroviaria non ti assicura altro. Hai diritto al rimborso anche su Italo, ma in questo caso dovrai usare un altro modello.

Come richiederlo

Come richiederlo
Treno

Come richiedere indennità per ritardi compresi tra 30 e 59 minuti per le Frecce? Conserva il biglietto e invia il modulo di reclamo compilato con le informazioni richieste. Per ottenere un rimborso immediato, puoi chiedere all’ufficio Assistenza di Trenitalia di cambiarti il biglietto con un altro, scalando il 25% dal costo del biglietto successivo. Questa procedura è valida per il ritardo del treno, ma se sei tu che arrivi in ritardo non hai diritto ad alcun rimborso, così come non ottieni nulla se sei tu a decidere di rinunciare al viaggio. Se, invece, attendi di tornare a casa per richiedere il rimborso, sappi che hai tempo 1 anno da quando hai acquistato il biglietto per richiederne il rimborso agli indirizzi indicati nel modulo. Oltre al modulo compilato, dovrai allegare:

  • copia del biglietto;
  • copia del documento di identità;
  • numero di conto (se hai pagato i biglietti con carta di credito puoi chiedere il riaccredito sulla carta).

I tempi di attesa variano, ma in generale in 5 giorni lavorativi si riesce a venirne a capo e si ottiene il rimborso. Se sai che è stato indetto uno sciopero ferroviario e il tuo treno parte più o meno nel momento dello sciopero, puoi richiedere il rimborso treno in caso di sciopero. Richiedendo il rimborso entro le 23.59 del giorno precedente allo sciopero, otterrai il 100% del prezzo del biglietto rimborsato. Se hai comprato il biglietto in biglietteria, allora hai tempo fino a 24 ore dopo lo sciopero per richiedere il tuo rimborso. Prima di chiedere rimborso, verifica se ci sono comunicazioni da parte della compagnia ferroviaria per lo sciopero che sta per arrivare. Puoi chiedere il rimborso anche sul sito e sull’app di Trenitalia se hai usato questi canali per acquistare i biglietti.

Quali biglietti Trenitalia non sono rimborsabili

Quali biglietti Trenitalia non sono rimborsabili
Treno

Quali sono i biglietti che Trenitalia non rimborsa in nessun caso?

  • Quelli in offerta Andata e Ritorno;
  • Quelli in promozione Speciale Frecce / Speciale AV Notte;
  • I biglietti integrati FrecciaLink;
  • I biglietti per gruppi con sconto del 40% sui treni IC e ICN.

Trenitalia ha anche l’opzione TiRimborso, che rende rimborsabili alcune tipologie di biglietti aggiungendo 1 o 2 euro. Ti consigliamo di prendere queste assicurazioni se vuoi risparmiare sul costo dei biglietti, ma vuoi comunque ottenere rimborso in caso di ritardi o di soppressione del treno. Prenotare in anticipo consente di risparmiare qualcosa sul titolo di viaggio senza per questo rinunciare alla possibilità di ottenere un rimborso se ne hai diritto.

Argomenti