Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Corso per OEPAC: cos’è e come svolgerlo

Corso per OEPAC: cos'è e come svolgerlo 

Il corso OEPAC cos’è e quali sono le competenze richieste nella scuola? Che differenza c’è tra insegnante di sostegno ed educatore? Se stai cercando lavoro e non sai da dove cominciare, questa può essere una soluzione che fa al caso tuo, soprattutto se ti piace stare a contatto con i bambini e aiutare gli altri. Quali sono i compiti di un OEPAC? Per fare chiarezza, spieghiamo cosa c’è dietro la sigla: OEPAC sta per operatore educativo per l’autonomia e la comunicazione ed è una figura professionale che aiuta i più piccoli nell’inserimento all’interno della classe quando l’alunno si trova in condizioni di difficoltà. Per poter diventare OEPAC è necessario frequentare un corso professionalizzante. Quando guadagna un OEPAC e come funziona? Leggi la nostra guida per scoprirlo!

Cosa fa la OEPAC

Cosa fa la OEPAC
Scuola

Così come per gli insegnanti a scuola, anche l’OEPAC è una figura importante di supporto per i ragazzi. Solo che, mentre l’insegnante di sostegno ha il compito di seguire il bambino dal punto di vista della didattica con tutte le responsabilità del caso, l’operatore ha il compito di supportare i bambini, soprattutto quando si parla di ragazzi che non sono autosufficienti e che non possono muoversi liberamente. Questa figura educativa non ha solo il dovere di aiutare i bambini nelle attività quotidiane, ma anche per favorire la socialità e per rendere la persona più autonoma possibile. Questa figura professionale all’interno delle scuole è poco conosciuta, ma è presente da oltre 30 anni nel nostro Paese, dalla legge n.104 del 1992.

Lo Stato affida alle Regioni il compito di predisporre i corsi di formazione per gli operatori e di stabilire di quanti OEPAC ha bisogno e in quali scuole inserirli. Oltre alle scuole, gli operatori OEPAC possono essere chiamati nei centri diurni, nelle cooperative con bambini con difficoltà, nelle strutture socio assistenziali, nei centri di aggregazione e dalle famiglie che hanno bisogno di assistenza anche a casa per venire incontro alle esigenze dei più piccoli. Ci sono due modi per trovare lavoro come OEPAC. Se vuoi lavorare nella scuola pubblica devi partecipare e vincere un concorso pubblico. In questi casi avrai uno stipendio che dipende dal tuo inquadramento e potrai avere degli scatti di anzianità. L’inserimento nelle strutture private da un lato è più difficile, perché devi trovare annunci di lavoro, ma dall’altro per candidarti devi solo presentarti con il curriculum.

Chi può lavorare come OEPAC

Chi può lavorare come OEPAC
Scuola

Per poter frequentare il corso per diventare OEPAC, è necessario essere maggiorenni e avere il diploma di scuola superiore (è considerato preferibile il diploma al liceo delle Scienze Umane Ex Magistrale). Anche gli stranieri possono accedere ai corsi regionali per diventare OEPAC, a patto di avere il permesso di soggiorno per gli extracomunitari e il livello B2 di italiano per gli stranieri. Se hai già lavorato nell’ambito dell’assistenza sanitaria, puoi scegliere di frequentare questo corso anche per riqualificarti. Per scegliere il corso giusto, dovresti frequentare il corso nella Regione dove intendi lavorare. Infatti, possono esserci dei cambiamenti su alcune materie o su alcune modalità. In ogni caso, l’attestato che riceverai al termine del corso sarà valido anche nelle altre Regioni. Per avere la certezza sulle materie e sulle ore, se hai già un attestato di operatore OPEC in un’altra Regione, chiedi informazioni a un centro di formazione accreditato, che ti fornirà tutte le informazioni e ti darà modo di integrare se necessario.

Quanto dura il corso OEPAC

Quanto dura il corso OEPAC
Scuola

Il corso si divide in due fasi. La prima fase è teorica e si può fare in presenza o con la formazione a distanza in base all’organizzazione del corso a livello regionale. Poi c’è una seconda fase di stage, dove vieni inserito nelle scuole che ne hanno bisogno e dove il tuo lavoro viene valutato prima dell’esame finale. Una volta superato l’esame, ottieni l’attestato che non va rinnovato. Il corso è di circa 322 ore in totale, ma dipende da chi organizza il corso. Nella fase di stage, ricorda di svolgere un ottimo lavoro: la struttura potrebbe contattarti per offrirti un ruolo dopo lo stage!

Quanto prende un OEPAC al mese

Quanto prende un OEPAC al mese
Scuola

In linea di massima un operatore OEPAC ha uno stipendio di base dai 1.200 ai 1.300 euro al mese. Considera che lo stipendio è definito anche dalle normative regionali di riferimento e che nella fase di stage non è detto che sia previsto uno stipendio. Durante il tuo incarico, ti viene chiesto di partecipare al piano educativo individualizzato PEI, per aiutare i più piccoli con la riabilitazione, la socializzazione con i compagni e l’integrazione in generale nella società. Devi essere un punto di riferimento per l’autonomia del bambino, ma anche rispondere alle esigenze di tutta la classe. Scuole e associazioni organizzano spesso degli eventi e delle iniziative: uno dei tuoi compiti è quello di dare al bambino gli strumenti per vivere al meglio queste esperienze fondamentali per il suo sviluppo.

Potresti ritrovarti a essere un punto di riferimento anche per gli adulti: come operatore, ti confronterai con la scuola, ma anche con le famiglie e con i centri diurni per definire dei metodi multidisciplinari e per aiutare il bambino in tutti i momenti della sua vita, dal gioco allo studio. Avere un approccio empatico può aiutare. Come figura di supporto, il tuo lavoro è molto importante per dare ai bambini in difficoltà quello che serve per sentirsi integrati e sicuri, pronti per affrontare il mondo. Per questo gli operatori vanno anche alle gite scolastiche per accompagnare i ragazzi, oppure trovano gli strumenti tecnologici più avanzati per dare un aiuto concreto.

Argomenti