Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

ETP: cosa sono e a cosa fare attenzione

Grafici investimento borsa

Si parla molto degli ETF come prodotti d’investimento, ma meno degli ETP. In realtà, gli ETF sono solo una sottocategoria degli ETP. Questa guida spiega gli ETP in generale, il loro utilizzo, le tipologie e i vantaggi dell’investimento in questa attività finanziaria.

ETP: definizione e caratteristiche

L’acronimo ETP sta per Exchange Traded Products e indica i prodotti d’investimento che imitano la performance di indici azionari, obbligazionari, valutari e di materie prime. Ciò significa che non ottengono una sovraperformance rispetto al benchmark sottostante, ma possono essere inferiori a causa delle commissioni e di alcune regole di attività (ad esempio, le restrizioni all’acquisto di uno degli asset che compongono l’indice).

Gli ETP possono seguire il mercato sottostante come se fossero un singolo titolo e sono quindi quotati in borsa e negoziati quotidianamente. In questo senso gli ETP si differenziano dai fondi comuni di investimento, che sono gestiti attivamente e quindi richiedono la presenza di SGR e applicano commissioni più elevate.

Le diverse tipologie

Sebbene gli ETP coprano un’ampia gamma di categorie di prodotti, essi sono di natura diversa e ciascuno presenta caratteristiche proprie. Vediamo di seguito le varie tipologie:

ETF

Gli ETF sono i più popolari e conosciuti tra gli ETP. Il termine sta per Exchange Traded Fund, un prodotto che mira a replicare un indice come l’S&P 500 o il FTSE 100. Tuttavia, esistono anche ETF che coprono settori o regioni specifiche; gli ETF variano nel modo in cui replicano un indice. In questo contesto, comprendono:

  • ETF a replica fisica, in cui il gestore acquista posizioni nell’indice da replicare (ad es. azioni, obbligazioni, materie prime);
  • Negli ETF a replica sintetica, il gestore stipula un accordo di compensazione dei derivati con un intermediario finanziario e paga un rendimento derivato dall’indice in cambio di una commissione.

ETC

ETC è l’acronimo di Exchange Traded Commodity e si riferisce alla riproduzione della commodity o dell’indice di commodity sottostante:

  • phisically based, dove vengono acquistate le materie prime fisiche;
  • non phisically based, dove vengono acquistati i derivati delle commodity.

La somiglianza tra ETF ed ETC è che entrambi sono negoziati in borsa. La differenza è che gli ETF sono fondi negoziati in borsa, mentre gli ETC sono prodotti cartolarizzati esposti al rischio di credito di controparti rappresentate da istituzioni finanziarie.

ETP cosa sono
Oggi come oggi, sono diverse le opportunità di investimento. Vediamo cosa sono gli ETP

ETN

Un ETN (Exchange Traded Fund) è un’obbligazione subordinata emessa da un istituto finanziario che consente agli investitori di replicare un investimento in un Exchange Traded Fund. La loro caratteristica distintiva è che, oltre al rischio dell’attività sottostante, l’investitore si assume il rischio associato all’emittente; la principale caratteristica che distingue gli ETN dagli ETF è la composizione del portafoglio: nel caso degli ETF, questi ultimi sono costituiti da attività che fanno parte di un indice, mentre nel caso degli ETN, i primi sono costituiti da attività che fanno parte di un’attività sottostante, mentre i secondi sono costituiti da titoli emessi da una società veicolo in cambio di un investimento diretto o di un contratto derivato sull’attività sottostante.

L’unica differenza tra un ETN e un ETC risiede nell’attività sottostante; se un ETN replica una commodity, è effettivamente un ETC; se un ETC replica una commodity, è effettivamente un ETC.

Bond ETP

Gli ETP obbligazionari sono strumenti che imitano la performance dei titoli di Stato. Un esempio è l’iShares Euro Inflation-Linked Bond Fund, che investe in obbligazioni indicizzate all’inflazione emesse dai governi europei. Questo strumento è particolarmente utile in un momento in cui il costo della vita è molto alto e la recessione è preoccupante.

Currency ETP

Gli ETP valutari sono strumenti legati a un paniere di valute. Il fondo assume una posizione di acquisto di dollari rispetto a una serie di valute rappresentate da euro, yen, sterlina, dollaro canadese, franco svizzero e corona svedese.

ETP: vantaggi e svantaggi

Gli ETP presentano sia vantaggi che svantaggi. Il primo è che consentono agli investitori di diversificare i loro investimenti con un’unica operazione, invece di acquistare ogni singolo asset dell’indice che stanno cercando di replicare. In secondo luogo, l’acquisto di un ETP può far risparmiare una quantità significativa di denaro in commissioni rispetto all’acquisto di singoli asset.

Un altro importante vantaggio è la negoziabilità. Infatti, a differenza dei fondi comuni di investimento, gli ETP possono essere acquistati e venduti sul mercato in qualsiasi momento durante l’orario di negoziazione, rendendo gli strumenti trasparenti. Un quarto punto di forza si basa sulla possibilità di investire in mercati altrimenti difficilmente accessibili. Non tutti i derivati replicano attività specifiche e, anche quando lo fanno, i costi sono spesso molto elevati.

Il principale svantaggio degli ETP è che sono standardizzati perché copiano un solo indice. Ciò significa che, a differenza dei fondi a gestione attiva, non possono essere adattati alle esigenze degli investitori.

Argomenti